Come operiamo

Tutte la attività di Nasara per il Burkina sono svolte da volontari.
Ci sono vari gruppi di lavoro che decidono una strategia di intervento comune, ma poi portano avanti i progetti in modo autonomo.
I gruppi di lavoro sono a volte organizzati territorialmente, per facilitare le interazioni, ed a volte per condivisione di obiettivi.
Le attività sono svolte sia in Italia per la raccolta fondi e per la progettazione, sia in Burkina dove i volontari si recano più o meno una volta l’anno.
I periodi in cui si effettuano generalmente le missioni in Burkina Faso sono i mesi che vanno da ottobre e febbraio, quando è appena finita la stagione delle piogge e prima che inizi il caldo opprimente dell’estate africana.
Fin dal primo anno di attività, ben prima della fondazione della ONLUS, i volontari hanno sempre pagato di tasca propria ogni spesa relativa alle attività sia svolte in Italia che all’estero.
Siamo particolarmente orgogliosi di dire che nel nostro bilancio NON ci sono spese per nessuna delle seguenti voci:
– compensi ai volontari per le attività
– viaggi e trasferte
– vitto ad alloggio

Ad onor del vero molte piccolissime organizzazioni come la nostra adottano la stessa politica di utilizzare il 100% delle donazioni per le attività umanitarie, ma è altrettanto vero che la stessa cosa non succede in alcune grandi associazioni, anche con grandissimi nomi, aiutate da governi e banche mondiali, dove si assiste all’utilizzo di gran parte dei fondi per sostenere lo stesso funzionamento delle organizzazioni.

Tutti i nostri volontari che si recano in Burkina si pagano il proprio biglietto aereo.

E’ obbietivo della nostra organizzazione aiutare a ridurre le spese di vitto ed alloggio presentando i nostri volontari a strutture che possono ospitarli, come ad esempio istituti religiosi o presso la stessa casa dell’associazione in Ougadougou.
Per gli spostamenti ci serviamo spesso di mezzi in affitto pagati dai volontari o, quando possibile, si usa la macchina dell’associazione, ma anche in quest’ultimo caso il gasolio è pagato dai volontari. Quando non siamo in Burkina la nostra macchina è utilizzata dalla missione dei frati Camilliani in Ouagadougou.

Per i vari progetti in Burkina ci appoggiamo a dei referenti locali che sono sparsi nelle zone in cui operiamo. Questi referenti, inizialmente selezionati per le loro caratteristiche di affidabilità e di onestà, ormai lavorano con noi da molti anni e sono diventati degli amici che sentiamo con regolarità.

Spesso nuove persone italiane ci chiedono di fare una esperienza di volontariato in Burkina.
A queste persone noi diciamo che è una esperienza molto formativa ed arricchente, ma diciamo anche che ci si deve adattare ad una vita comunitaria che a volte può presentare anche qualche disagio.
Chi è interessato a fare questa esperienza può contattarci per le informazioni del caso; qui troverai una panoramica di cosa vuol dire una missione.

Vai alla pagina “Chi siamo