SAL 19 giugno 2013

(17 foto)

  • 1-tn_img_0102

    1-tn_img_0102

  • IF

    IF

  • 3-tn_img_0104

    3-tn_img_0104

  • 4-tn_img_0105

    4-tn_img_0105

  • 5-tn_img_0106

    5-tn_img_0106

  • 6-tn_img_0107

    6-tn_img_0107

  • 7-tn_img_0108

    7-tn_img_0108

  • 8-tn_img_0109

    8-tn_img_0109

  • 9-tn_img_0110

    9-tn_img_0110

  • 10-tn_img_0111

    10-tn_img_0111

  • 11-tn_img_0114

    11-tn_img_0114

  • 12-tn_img_0119

    12-tn_img_0119

  • 13-tn_img_0115

    13-tn_img_0115

  • 14-tn_img_0120

    14-tn_img_0120

  • 15-tn_img_0116

    15-tn_img_0116

  • 16-tn_img_0117

    16-tn_img_0117

  • 17-tn_img_0118

    17-tn_img_0118

Dopo tanto attendere finalmente arrivano i tecnici a montare l’elettrificazione della pompa del pozzo. Vengono dall’atelier di Saaba dei Padri della Sacra Famiglia, dove viene costruita la pompa Volontè utilizzata in tutta l’Africa; l’eletrificazione è la più semplice possibile (quindi ottima per l’Africa dove la manutenzione è un problema …) e funziona grazie a due pannelli solari da 12V – 220W messi in serie e collegati direttamente ad un motore a corrente continua a 24V. Con questa elettrificazione il pozzo funziona durante tutte le ore di sole fornendo circa 10mc di acqua al giorno che si utilizza sia nel cantiere che per distribuirla gratis alla popolazione, che ogni giorno viene a riempire una miriade di taniche.
Il muro di cinta è praticamente finito.
Ignace che costruisce i TBC continua la sua opera, anche se è costretto a trovare un’altra cava di laterlite perchè nella cava utilizzata finora si sono rilevate delle tracce di argilla che non dovrebbe esserci.
Sul terreno dove sorgerà l’asilo è presente il caiou, pietra molto dura che rende praticamente inutili gli scavi a piccone, per cui si decide di proseguire con un martello pneumatico preso in affitto.