Domande e risposte sulle adozioni

Come avviene la raccolta dei soldi in Italia ?
Da novembre di ogni anno inizia la raccolta delle quote annuali. Gli adottanti italiani hanno la possibilità di versare la quota annuale o facendo un versamento alla posta o facendo un bonifico in banca. In questa pagina si possono trovare tutte le informazioni.

Cosa succede se un adottante italiano non paga ?
Può succedere che un adottante abbia dei problemi a pagare la quota un determinato anno, in questo caso l’associazione sostiene ugualmente il ragazzo attingendo al “fondo solidarietà adozioni”. Se questo mancato pagamento si protrae per il secondo anno, l’associazione si riserva la decisione di assegnare il ragazzo ad altro adottante.

Cosa è il “fondo solidarietà adozioni” ?
Nasara parte dal presupposto che vuole garantire il ciclo di studi a tutti i ragazzi con cui si è impegnata, anche se alcuni adottanti italiani non hanno pagato la quota annuale. Infatti ogni anno una piccola quota di adozioni, purtroppo, non vengono pagate. Siccome gli impegni presi con i referenti burkinabè, le famiglie ed i ragazzi che studiano non possono essere modificati ad anno scolastico già iniziato, abbiamo deciso di istituire un fondo che agisca come una riserva economica a cui attingere per sostenere i ragazzi che si trovano, loro malgrado, a non essere sostenuti. Questo fondo è alimentato prelevando una parte delle cifre raccolte per le adozioni; ogni anno è contabilizzato e regolarmente iscritto a bilancio. Questa implica che ogni ragazzo in burkina riceva una cifra leggermente più bassa di quella versata in Italia, dato che la cifra non versata alimenta il “fondo di solidarietà”, il riscontro positivo di questa scelta è che il sostegno lo ricevono tutti ogni anno a prescindere dai pagamenti ricevuti. Qualora in un determinato anno il fondo non sia utilizzato tutto, viene devoluto comunque per progetti attinenti alla scolarizzazione.

Come vengono utilizzate le cifre raccolte ?
Le cifre raccolte ogni anno, più quanto necessario prelevato dal “fondo di solidarietà adozioni”, viene interamente versato ai referenti in Burkina Faso in gennaio che li danno in varie forme alle famiglie o agli istituti che si occupano della loro scolarizzazione.

Che tipo di comunicazione si deve aspettare un adottante italiano ?
Ogni anno cerchiamo di mandare almeno una lettera ad ogni adottante contenente una foto ed una letterina scritta dal ragazzo. Per assicurare questa spedizione vengono fatti molti sforzi sia dai referenti, sia dalle famiglie che spesso vivono nei villaggi nella savana, sia dai volontari che devono dedicare molto tempo a gestire comunicazioni sia con i referenti che con le famiglie.

Perchè a volte non si ricevono informazioni ?
Non sempre la “catena di lavoro” (famiglie burkinabè -> referenti -> volontari italiani) produce i risultati voluti, questo implica che in alcuni casi potremmo non essere in grado di spedire alcuna informazione. Vogliamo però assicurare che anche in questi casi il ragazzo viene sostenuto utilizzando i soldi che sono stati versati in Italia dalla famiglia adottante, sperando che l’anno successivo tutto si stabilizzi. Per questi casi ci scusiamo fin da ora.

Perchè qualche volta vengono cambiati i ragazzi adottati ?
I ragazzi adottati sono sostenuti proprio perchè provengono da situazioni disagiate e le cause per cui un ragazzo non prosegue gli studi possono essere molteplici. A volte le famiglie burkinabè non capiscono l’importanza degli studi e quindi mandano i ragazzi a lavoro anche se gli mancano pochi anni alla fine degli studi. Come pure ci sono casi di cambi di villaggio, e quindi i ragazzi vanno fuori della zona di operatività del referente. Non è raro poi il caso di malattie importanti che colpiscono i ragazzi impedendogli di continuare gli studi. In questi casi, e in molti altri ancora, le comunicazioni tra referente e famiglia si interrompono ed è difficile ristabilirle, per cui l’associazione sostituisce i ragazzi adottati e, se ne ha, fornisce in Italia le informazioni che hanno determinato il cambio.

Che succede quando un ragazzo finisce le scuole superiori ?
Solitamente l’adozione finisce perchè lo scopo è stato raggiunto. In alcuni casi di ragazzi particolarmente dotati e studiosi, l’associazione si fà promotrice di proporre alle famiglie adottanti di proseguire il sostegno anche per gli studi universitari. In questi casi, e solo se la famiglia adottante lo desidera, le adozioni proseguono fino alla laurea. Nel 2008 abbiamo festeggiato la prima laurea in medicina conseguita da una ragazza che ha iniziato gli studi alle primarie con Nasara. Attualmente stiamo sostenendo 2 studenti universitari.

Quale è il compito dei referenti in Burkina ?
I referenti sono il punto di congiunzione tra l’associazione e le realtà locali: quartieri, villaggi, enti. Conoscono sempre personalmente le famiglie dei ragazzi adottati e spesso ne seguono l’iter scolastico. Provvedono a tenere sincronizzati i loro elenchi con i nostri, ricevono i soldi delle adozioni e li distribuiscono nel migliore dei modi secondo le necessità.

Quanti sono i referenti dell’associazione in Burkina Faso ?
Sono in totale 12 con una media di 30-40 ragazzi ciascuno.

Quali sono le zone di intervento ?
Le zone di intervento per le adozioni sono: Ouagadougou, Koupela, Baskoure, Kaya, Tougoury, Dorì, Nanorò

Cosa deve fare un adottante italiano che decide di interrompere l’adozione in corso ?
Deve tempestivamente comunicare via email o telefono questa sua decisione in modo che l’associazione possa assegnare il ragazzo ad un’altro adottante e quindi assicurargli un altro anno di studi.

Io non me la sento di prendere un impegno continuativo come l’adozione a distanza, ma vorrei ugualmente sostenere l’associazione, cosa posso fare ?
Una adozione dovrebbe servire a far completare un ciclo di studi ad un ragazzo e quindi sarebbe un impegno pluriennale. Se è troppo impegnativo uno può decidere di sostenere in altro modo l’associazione adottando, invece di un ragazzo, un progetto. In queste pagine puoi vedere quali sono i progetti aperti.

Se ho qualche dubbio sulle adozioni chi posso contattare ?
Puoi mandare una mail a

Vai alla pagina Adozioni